Passa ai contenuti principali

Un assaggio di poesie...

Venerdì 29 Novembre 2013

Ho cominciato a scrivere poesie quando avevo circa 17-18 anni, credo dopo aver letto a scuola i versi dei "poeti maledetti", i quali profanavano i valori e le convenzioni della società borghese  preferendo la via dell'autoannientamento e dunque una vita misera caratterizzata dal vizio della carne, le sregolatezze e dall'abuso di alcool e droghe.
I poeti maledetti è il titolo che Paul Verlaine diede alla sua opera uscita nella sua prima edizione nel 1884 e comprendente alcune tra le migliori opere di Tristan Corbière, Arthur Rimbaud e Stéphane Mallarmè.

Ed ecco come mi influenzarono:


Guardi la luna
piangere antiche speranze
mentre la notte scompare
sotto un manto di polvere di stelle.

Il cielo si dissolve
e tu provochi la pioggia
di sangue.

L'alba diventa sempre più rossa
e tu sempre più bianco.
Ti dondoli
su un'amaca di cristallo
mentre gli spiriti
ti lavano con il tuo sangue.

Un grande fuoco
si innalza sopra di te
e i suoi tentacoli ti stringono forte.

Ma si avvicina il giorno
e il tuo sangue
disseta poveri fantasmi.

(Chiara Bolani)

.......ma scrivevo anche questo....



Non conosco geometrie esistenziali,
 ma conosco i prati che fioriscono in primavera.

Non conosco amori sperduti in valli solitarie,
ma boschi che porgono i loro rami al cielo...



Per finire voglio citare una poesia di Arthur Rimbaud...

Ma davvero ho pianto troppo!
Le albe sono strazianti,
ogni luna è atroce e ogni sole amaro:
l'acre amore mi ha gonfiato
di torpori inebrianti.
   Arthur Rimbaud
.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-7508?f=a:88>

Commenti

Post popolari in questo blog

SuperMammaBag, la nascita di una borsa super organizzata

Oggi voglio parlarvi di un bellissimo progetto che sta prendendo vita proprio in questi giorni.
Marzo è stato per me un mese di rinnovamento creativo, dopo un periodo in cui le idee su cosa volevo fare erano tante (troppe) e confuse.
E proprio mentre cercavo di fermare il caos creativo che c'era dentro di me, ecco che mi scrive Shalma alias mammashalma conosciuta qualche anno fa a Milano, durante la festa di compleanno a cui ero stata invitata da Casafacile la nota rivista di arredamento.
Shalma aveva un'idea e sono felice che abbia scelto me per realizzarla.
Ora sarete curiosi di sapere qual'è questa idea, vero?

Qui potete leggere come è nata la  SuperMammaBag


Io, che questa borsa l'ho creata e toccata dal vivo, posso aggiungere che è davvero speciale, perchè è stata pensata sia per la mamma che porta i bimbi all'asilo o al parco giochi, e ci deve mettere biberon, pannolini, crema e quant'altro, sia per la mamma che lavora, e va in ufficio e ci dovrà mettere …

ECCOMI!

Eccomi!

Scrivo questo post molto tardi questa sera e dopo parecchio tempo dall'ultimo post.
E davvero non so da dove iniziare.
In questi mesi ho avuto dei periodi di confusione creativa, e per questo più volte ho smarrito la concentrazione.
Ho cercato di capire cosa voglio fare ora della mia vita, a 47 anni e, nonostante la sfiducia che arriva dalla mia famiglia nelle mie capacità, sono arrivata ad una conclusione.
Voglio riempire le mie giornate di creatività e benessere, di natura e di armonia.
Voglio dedicarmi a ciò che mi piace e che so fare, e quello che non so lo voglio imparare.
Voglio mettermi alla prova sperimentando nuove tecniche.
Voglio cogliere nuove opportunità e conoscere altre realtà.
Voglio mettermi alla prova, continuamente.
Voglio dimostrare a me stessa e agli altri che a 47 anni si può reinventarsi un lavoro, continuando a fare la mamma con gioia.
In questi mesi mi sono state date delle belle occasioni per uscire dal letargo e altre ce ne saranno.
Presto vi pa…

"FIOR DI JEANS" la mia nuova Collezione di Grembiuli per il giardinaggio

"Riciclare per trasformare, assemblare per non sprecare", questo è stato e sarà sempre il mio motto.
CuciChiara è soprattutto questo.
Creare con un'attenzione particolare al rispetto per l'ambiente, utilizzando e soprattutto ri-utilizzando stoffe e materiali per continuarne l'uso e il ri-uso.
Etica e sostenibilità stanno sempre alla base della mia creatività per dar vita a pezzi unici e originali.
E' proprio da questi principi, che nasce la mia nuova Collezione di grembiuli da giardinaggio che ho chiamato "Fior di jeans", nome suggeritomi dalla simpaticissima Antonella, alias blogacavolo
Voglio presentarvi e raccontarvi i primi due.
Ogni grembiule nasce da un paio di pantaloni jeans dismessi ma ancora in buono stato, e dall'utilizzo di un campionario di stoffa da tappezzeria floreale, usato quest'ultima per farne delle comode tasche per riporvi ciò che può servire da tenere a portata di mano quando si lavora in giardino o nell'orto.
C…